• La Tecnica “APPROCCIO VARIABILE” in Riabilitazione: tra INTUITO e SAPERE SCIENTIFICO.

    La Tecnica “APPROCCIO VARIABILE” in Riabilitazione: tra INTUITO e SAPERE SCIENTIFICO.

    Formazione CEFPAS 2018.

    Nella fisioterapia tradizionale tanto ortopedica quanto neurologica, l’approccio al recupero e al miglioramento funzionale implica quasi sempre attività che coinvolgono l’escursione di segmenti articolari, o attraverso esercizi aspecifici oppure attraverso esercizi finalizzati al raggiungimento di obiettivi funzionali (prendere un bicchiere, calciare una palla, allenare l’equilibrio etc.). In molti casi la parte di riabilitazione dedicata agli aspetti automatici del movimento viene presa poco in considerazione quando addirittura non considerata del tutto. Eppure l’automatismo, per quanto appreso, rappresenta il substrato indispensabile al movimento volontario. Diventa necessario dunque intervenire con tecniche che possano “dialogare” più compiutamente con gli aspetti relativi all’organizzazione automatica del movimento”.

    Questo è quanto è emerso nel corso de  “L’ Approccio Variabile in Riabilitazione”, tenuto dal docente Giuseppe Cultrera, ideatore della Tecnica, affiancato dai tutor e fisioterapisti Maria Russo Francesco Maida,  rivolto a Fisiatri, Ortopedici, Fisioterapisti e Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva che si è svolto al CEFPAS e  si è concluso lo scorso 1 giugno 2018.

    Abbiamo intervistato Giuseppe CultreraFisioterapista, Presidente dell’Associazione ATC, Direttore Scientifico e Docente del corso.

    Intervista

    Leave a reply →

Leave a reply

You must be logged in to post a comment.