Warning: include(/web/htdocs/www.atcfisio.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.atcfisio.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.atcfisio.it/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.atcfisio.it/home/wp-load.php on line 94
Formazione – ATC ®

FolliaIl percorso formativo offerto da ATC è costituito da un corso di 12 giorni suddiviso in 4 weekend da 3 giorni ciascuno. I primi 6 giorni rappresentano il primo livello di ATC, in cui il corsista potrà acquisire la capacità di valutazione del paziente. In tale fase del processo formativo ATC si affronteranno le nozioni relative a ciò che sta alla base del procedimento valutativo e di intervento sul paziente, cioè la conoscenza degli aspetti strutturali coinvolti nella presentazione di un disturbo e dei sistemi di pianificazione, elaborazione e controllo del movimento.

Il corsista affronterà dunque le tematiche relative alla comprensione di un disturbo sottostante una disfunzione, al riconoscimento di differenti schemi clinici, e agli aspetti inerenti il ragionamento clinico. la dis-funzione del sistema neuro-muscolo-scheletrico è quindi considerata attraverso un approccio globale (combinato appunto) che non considera logica e clinicamente attendibile la suddivisione in paziente neurologico e ortopedico. Nel secondo livello, di sei giorni anche questo, verrà presentata in maniera approfondita e dettagliata la tecnica dell’Approccio Variabile.

Tale tecnica mira a rendere il corsista capace di intuire, ricercare e sviluppare le capacità del paziente relative al controllo motorio e all’implementazione delle attività di stabilizzazione e movimento dei vari segmenti corporei singolarmente e reciprocamente. I recettori muscolari sono l’elemento fondamentale di questa tecnica, che, grazie alla enorme possibilità di graduazione della proposta, svilupperà le doti del corsista in termini di adeguamento della proposta terapeutica alle condizioni del paziente e può essere applicata tanto in un disturbo cronico quanto in fase acuta. La tecnica prevede anche l’utilizzo di supporti fissi e mobili.

Nel corso dell’anno verranno attivati dei corsi di approfondimento per gli associati ATC. Questi saranno illustrati successivamente e rappresentano un ulteriore occasione di scambio e crescita professionale in cui fare evolvere le conoscenze già acquisite durante i livelli 1 e 2. ATC si prefigge anche la possibilità di offrire una formazione complementare a quella direttamente offerta dal corpo docente ATC. Ne è un esempio il corso sugli Ausili e sulle Ortesi in Riabilitazione e quello sulla Riabilitazione Respiratoria che sono già stati svolti con la collaborazione di altri Docenti. L’obiettivo è quello di creare un percorso formativo in cui i corsisti, che sono prima di tutto membri-associati ATC, possano trovare esperienze di arricchimento professionale varie ed adeguate alla propria pratica clinica quotidiana.

Approccio Terapeutico Combinato

Metodo scientifico e ragionamento clinico sono certamente due elementi che caratterizzano e vivacizzano il dibattito all'interno di ATC

  • L’ATC rifiuta dunque l’idea del “mito” in Riabilitazione.

  • Il ragionamento clinico è patrimonio del professionista.

  • ATC si propone la crescita professionale dei Fisioterapisti.

Alcune informazioni

  • IL PROBLEMA DELLA ….SCIENZA

    Molti di voi sono già al corrente dello sforzo che stiamo compiendo avendo avviato una seria ed oggettiva revisione delle proposte formative in riabilitazione. Lo scopo non è certo quello di denigrare le varie  proposte, ma di entrare nel merito di ciò che è scientifico (avendo tutte le caratteristiche per potersi fregiare di tale denominazione)Read more →

  • ATC -“ Approccio Terapeutico Combinato”

    L’approccio (inteso come metodo o atteggiamento mentale o prospettiva particolare con cui si affronta lo studio di un problema) è frutto di una più che trentennale esperienza di lavoro e di studio da parte del docente in ambito riabilitativo e prende l’avvio dalla considerazione che la funzione e la “disfunzione” sono sempre il risultato  dell’interazione tra vari sistemi cheRead more →